Stampa & Tributi del 12 gennaio 2022

Agenzie fiscali, volata finale per le nomine. Contenzioso tributario, online il servizio per la ricerca di atti e date per le udienze. Bollettino entrate tributarie novembre 2022. Open data e intelligenza artificiale: le opportunità per la gestione della finanza locale. Imu sulle case dei coniugi, via ai rimborsi fino al 2017: sì della Consulta all’esenzione multipla. 

#Imu #newsletter #dirittotributario #imu #tari #canoneunico #accertamento #riscossione #stampaetributi #tommasoventre

**

Agenzie fiscali, volata finale per le nomine.

di Marco Mobili e Giovanni Parente

Volata finale per le conferme di Ernesto Maria Ruffini al vertice delle Entrate e di Alessandra Dal Verme alla guida del Demanio e per la nomina del nuovo direttore delle Dogane, Roberto Alesse. Dopo la prima indicazione avviata nel Consiglio dei ministri di martedì 10 gennaio, è arrivato ieri il via libera anche da parte della Conferenza unificata. Il prossimo passaggio formale è in calendario già oggi, in cui il Governo metterà ulteriormente a punto le procedure che dovranno portare poi ai decreti del Presidente della Repubblica e che saranno trasmessi alla Corte dei conti.

Contenzioso tributario, online il servizio per la ricerca di atti e date per le udienze.

Su «Il Portale della Giustizia Tributaria» è disponibile il nuovo servizio online di «Consultazione pubblica contenziosi tributari: sito esterno in una nuova scheda», accessibile liberamente, per la ricerca delle informazioni anonimizzate e delle date di udienza dei contenziosi tributari instaurati presso le Corti di giustizia tributaria. È possibile accedere al servizio – elaborato dalla direzione tributaria del dipartimento delle Finanze – dalla home page del portale, mediante l’utilizzo dell’apposito link nell’intestazione o dal pulsante «Consultazione pubblica contenziosi tributari» presente nella sezione «Utilità», rinvenibile anche nell’analoga voce del menu «Servizi» e nelle pagine dedicate alle singole Corti di giustizia tributaria. Infatti, selezionando una Corte di giustizia tributaria di interesse, di primo o secondo grado, il servizio permette di effettuare due tipologie di ricerca: Info ricorso per consultare le informazioni di un contenzioso tributario, indicando il numero di registro generale e l’anno di iscrizione a ruolo. Calendario udienze per ricercare le udienze di una specifica sezione della Corte di giustizia tributaria preselezionata, in base ad un intervallo di date e all’orario selezionati. In riferimento alla singola sezione sono consultabili le date e le aule di svolgimento delle udienze. 

Bollettino entrate tributarie novembre 2022.

Entrate territoriali Le entrate derivanti dagli enti territoriali del periodo gennaio-novembre 2022, pari a 54.136 milioni di euro, con un aumento di 6.402 milioni (+13,4%). 

Imposta municipale propria IMU- IMIS(quota comuni)-IMI : ammonta a 9.948 milioni di euro (+347 milioni di euro, pari a +3,6%). TASI: il gettito si attesta a 62 milioni di euro (-33 milioni di euro, pari a –34,7%).

Open data e intelligenza artificiale: le opportunità per la gestione della finanza locale. 

Prof. Giuliano Resce

Anche in Italia è oggi possibile avere il dettaglio dei dati finanziari di qualsiasi ente pubblico. A livello di ente comunale è possibile, inoltre, stimare una serie di proxy di reddito medio, disuguaglianza e povertà utilizzando le analisi e statistiche sulle dichiarazioni fiscali del ministero dell’Economia e delle Finanze.

L’integrazione tra opendata e intelligenza artificiale può prevedere con una precisione molto alta una serie di variabili finanziarie per gli enti locali. Le previsioni aprono prospettive inedite per la programmazione della finanza locale.

Imu sulle case dei coniugi, via ai rimborsi fino al 2017: sì della Consulta all’esenzione multipla. 

Il pronunciamento della Corte costituzionale, che ha riconosciuto la possibilità di doppia esenzione Imu per le case in cui risiedono separatamente membri della stessa famiglia (tipicamente i coniugi) apre la strada alle richieste dei contribuenti di riavere indietro quanto versato negli anni scorsi, fino al 2017. Una fase che dopo gli approfondimenti e le valutazioni sia da parte dei Comuni che dei proprietari, sta entrando nel vivo in questi giorni. I cittadini che si preparano rivolgersi agli uffici comunali devono però sapere che la restituzione non sarà automatica: gli enti locali, per i quali si prospetta una significativa perdita di gettito, chiederanno di dimostrare l’effettiva dimora nelle abitazioni in questione prima di prendere in considerazione le domande di rimborso.

Il video

Il podcast

https://open.spotify.com/show/5dDNIBPglFDEFeYAlRVvYu

Rispondi