Stampa & Tributi del 30 Agosto 2022

Cartelle, sanzioni fuori dalla successione. Il fisco si accontenta di 14 mld.  Spetta alla Ctp il giudizio sul nuovo canone unico per l’occupazione di suolo. 

Imu#newsletter #dirittotributario #imu #tari #canoneunico #accertamento #riscossione #stampaetributi #tommasoventre

**

Cartelle, sanzioni fuori dalla successione.

Ivano Tarquini 

Le sanzioni delle cartelle esattoriali non si trasmettono agli eredi per via della loro natura personale ed afflittiva, differenziandosi dalle sanzioni civili le quale hanno un carattere aggiuntivo rispetto alle obbligazioni cui sono collegate e quindi trasmissibili. Questo è il principio che la Suprema Corte di Cassazione corrobora con la sentenza n.25315 del 24 Agosto 2022, pronunciata dalla sez. V, la quale risolve un caso di opposizione a cartella esattoriale di natura tributaria. La contribuente infatti riceveva una cartella di pagamento contestandola in sede di merito, in quanto riteneva di aver già pagato il quantum richiesto. La successiva fase di appello riformava la sentenza di primo grado favorevole alle ragioni di accoglimento, riducendo di un terzo le sanzioni comminate. Nel frattempo la ricorrente veniva meno, e gli eredi riassumevano la causa.

Il fisco si accontenta di 14 mld

di Cristina Bartelli

Contrasto all’evasione, tra pandemia e crisi energetica il fisco si accontenta. L’obiettivo per il 2022 è di incassare 14,4 mld, quasi un miliardo e mezzo meno rispetto all’importo inizialmente fissato. Per un ritorno ai livelli pre Covid bisognerà attendere il 2024, anno in cui l’Agenzia delle entrate punta a superare i 16 miliardi di euro. Lo si legge nella convenzione triennale sull’attività, che il 2 settembre l’amministrazione guidata da Ernesto Maria Ruffini discuterà con le sigle sindacali dei lavoratori

Spetta alla Ctp il giudizio sul nuovo canone unico per l’occupazione di suolo

di Luigi Lovecchio

Il nuovo canone unico comunale di occupazione di suolo pubblico, quantomeno nella parte collegata alla diffusione di messaggi pubblicitari, ha natura tributaria e non patrimoniale. Di conseguenza, le relative controversie sono affidate alle commissioni tributarie. Tra le prime attese prese di posizione sul prelievo introdotto a decorrere dal 2021, con la legge 160/2019, si segnala la sentenza n. 65/2022, depositata il 27 luglio scorso dalla Ctp di Pordenone (presidente Sciavicco, relatore Cozzarini).

Il video

Il podcast

Rispondi